Uncategorized

Dal design di interni alla strada passando da Woody Allen: la moda secondo Lucio Vanotti

Spread the love

Non ci sono combattenti nelle collezioni di Lucio Vanotti. La giungla contemporanea in cui si muovono velocemente tacchi, gonne e giacche rigide è stata ripensata portando avanti le nuove esigenze dell’uomo. ” Voglio rispettare la persona” spiega Vanotti. ” penso che oggi ci si può proteggere con la serenità e la tenerezza”. Nasce così una collezione che pone al centro gli studi cromatici del design di interni , ispirato soprattutto al film del 1978 di Woody Allen ” Interior”, il cui titolo dà il nome alla collezione del designer. Le tinte chiare e neutre come il tortora, il beige e il bianco sono alla base della creazione di abiti che ispirano comodità e morbidezza. Pantaloni oversize, giacche da camera ispirate al nightwear, giubbotti trapunte, scialli fatti scivolare come coperte vengono realizzati utilizzando materiali come i velluti 150 righe, caschemere e gamme di cotoni e lane. I cuscini portati a spasso come borse appaiono un inno alla lentenzza e alla tranquillità in un mondo che travolge senza urlare. Vanotti riporta la donna alla sua essenzialità. Nessuna scollatura, nessuno spacco. Un appeal classico , senza tempo, proprio come un film di Woody Allen.


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *